Vous êtes ici...

La Comunità dell’Atlas aveva fondato, nel 1988 a Fès, in Marocco, su domanda del vescovo del luogo, una piccola comunità annessa a Tibhirine. Dopo la decisione dolorosa di restituire il monastero di Tibhirine al vescovado di Algeri nel 2001, Nostra Signora dell’Atlas ha dunque definitivamente ripiegato verso il Marocco. Vedere il capitolo Nostra Signora dell’ATLAS.

Fra il 2001 e il 2016, Tibhirine è affidato ad un sacerdote della Missione di Francia, il Padre Jean-Marie Lassausse che, insieme ai vicini algerini, sfrutta le terre del monastero, celebra regolarmente la Messa nella cappella, è in contatto con il villaggio e riceve i visitatori che affluiscono con regolarità per rendere omaggio ai fratelli,  i cui resti sono deposti nel cimitero del monastero.

E dal 15 agosto 2016, è la comunità di Chemin Neufche scrive una nuova pagina nella storia del monastero. Una piccola fraternità si è installata a Tibhirine, sperando di approfondire l’eredità spirituale dei monaci per viverne e farne partecipi tutti.

Una nuova pagina si apre nella storia già ricca del monastero di Tibhirine.

E sarà scritta dalla Comunità di Chemin Neuf, di cui vi offriamo le prime righe.

In chiusura, ricorderemo, in qualche parola, ciò che fu la pagina precedente (2001 – 2016), il cui autore centrale è stato il Padre Jean-Marie Lassausse, segnalando, del resto, che quest’ultimo ha appena scritto un libro (Non dimentichiamo Tibhirine, Bayard, gennaio 2018) che, dopo “Il giardiniere di Tibhirine”, continuerà a condividere il suo vissuto di questi 15 anni, spesso difficili.

Mars à Octobre 2019

Chers amis,

Depuis ce beau jour du 8 décembre 2018 qui a enraciné un peu plus notre Eglise en Algérie, depuis le 9 décembre à Tibhirine qui a permis de nouer une relation fraternelle entre familles des Bienheureux moines, et nous, Communauté qui a accepté d'entretenir la flamme allumée en ce lieu, les mois ont très vite passé...